tutti i gemiti di una donna che viene

Indosserò la maschera sgualcita
dell’uomo non patetico
impugnerò l’ascia magica
e sgozzerò qualsiasi idea virulenta
di un inebriante passato mitico.

Nodo dopo nodo
scioglierò via dai ricordi
quel tuo filo di voce
fino a dimenticare le tue labbra
le gengive e i denti
fino a relegarti al relitto
di un ipotetico me migliore
fin qui mai esistito.

Ti rimpiazzerò
e sorso dopo sorso
mi farò un gusto nuovo,
colorerò i quaderni
coi colori delle foglie dell’autunno
e mi imbarazzerò
a riscoprirmi sereno
come una nuvola trafitta dall’arcobaleno
come una nuvola trafitta dall’arcobaleno.

Ma la verità
che non interessa ormai a nessuno
è che abuserei dei sogni
se li sapessi controllare,
della nostalgia
se non facesse male,
delle fotografie
se si potessero animare,
del sesso occasionale
se al di là dei tuoi
non trovassi così ridicoli tutti i gemiti di una donna che viene.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s