imparando a danzarci

Se sei di Torino hai senz’altro passato delle notti a ballare in qualche locale dei Murazzi. Se hai passato delle notti a ballare in uno di quei locali fino a sudare l’anima, dimenticarti del tempo, dimendando le tue membra casualmente, come in preda a uno spirito antico e folle, sai esattamente di cosa parlano le righe qua sotto.

 

identici e fragili

ora eterni, inscalfibili

liberati dall’incedere dei bassi

cosparsi di sale, disciolti nel caos

farfalle viola e bianche

sfatte sotto le luci dei neon

 

voli sottosopra

di acrobati ubriachi

giri della morte, rituali decadenti

la frenesia poco addomesticata dei gesti

impariamo a danzarci

 

perché il tuo sorriso è un acido che ingoio con l’aria

mentre le nostre iridi si biascicano parole seducenti

si accavallano desideri e pulsioni

affiorano umidi tra le labbra

s’insinuano sottopelle

ci spossano

 

siamo una crisalide nuova

distesa su di una colata d’asfalto

non sarà che una sottospecie di senso

ma in questo buio

_divampa

 

4.10.2011

 

[ musica consigliata: “Do You Mind” performed by The XX

https://www.youtube.com/watch?v=1xoMkHEJjds ]

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s