la bellezza ci salverà dall’invasione aliena [dialogo]

– Alla fine ci salverà la bellezza.
Quella roba che supera lo spazio. Che resta tale anche col tempo che le sta addosso e la invecchia. Ci salverà l’irrazionalità di un amore trafugato per placare la sete. Quando sei in cassa al supermercato e idealizzi la spesa di quei due che hai davanti, che un attimo prima che lei ti lanci quell’occhiata invadente ti sembravano così felici, ma non sarà certo un occhio un po’ volubile a cambiare le cose. Alla fine ci salverà la bellezza. Che amara sconfitta sarà quel giorno. Dover ammettere che nonostante tutta le cose, tutte le esperienze, tutti i progetti realizzati e le sconfitte, nonostante tutto questo ti troverai piccolo a passeggiare sulle labbra di una donna, in balia dei suoi respiri, dei suoi umori, delle sue risposte. Alla fine ci salverà la bellezza, quella della sua forza che rade al suolo le perplessità e le possibili circostanze, quel suo modo di fare piazza pulita di tutte le alternative inutili, e quel talento nel costruire che lei fa sembrare così inevitabile, incorruttibile, puro. Alla fine ci salverà la bellezza di un sogno comune. Ma sarà anche la bellezza di un macchia sulla pelle. Del disegno delle vene. Delle pieghe sulle dita. Della forma delle unghie. Sarà la bellezza di un gesto ripetitivo. Di un modo di stare seduta. Della smorfia intorno a un pensiero fisso. E poi tutta quella bellezza che non si vede, ma si sente, e che per spiegarla hanno inventato l’anima.

– Guarda, ancora non so se ho intenzione di salvarmi dall’invasione aliena, ma in ogni caso, ti assicurò che, nel caso, terrò presenti queste tue psichedeliche farneticazioni. Ora però riposa. Vedrai che domani andrà meglio. Vedrai.

– Fai il duro ma la pensi come me.

– Faccio il duro e penso tu sia bollito, ma non ti preoccupare. Dev’essere una fase. Tipo l’adolescenza o la pubertà. Hai notato dei peletti nuovi in zone glabre fino a poco tempo fa?

– Crepa.

– Ci spero da una vita. Mi solleva sapere che prima o poi succederà per davvero.

– Ti odio.

– Ecco, conserva questo sentimento e convertilo in un po’ di sano cinismo universale, ti eviterebbe numerose sofferenze.

– Mai.

– Finirai con una pallottola vicino al cuore come Gino Paoli. E resterai moribondo per tutta la vita. Ecco dove ti porterà la tua bellezza. Se proprio senti il bisogno di finire i tuoi giorni in balia di qualcuno, scegli te stesso, tutto il resto del mondo è inaffidabile e imprevedibile, e soprattutto tutta la tua bellezza non è che un illusione. Tipo farti di crack e poi dire che stai da dio. Grazie al cazzo che stai da dio, ti sei fatto di crack.

– Tossico.

– Tra i due, quello più dipendente da qualcosa mi sembri tu. Io dormo sereno, faccio le mie cose e mi concedo dei brevi momenti di relax. Tu dormi male, se non la vedi fai fuori tutti i cibi schifezza che ti capitano a tiro, quel cellulare poi me la farei impiantare nella mano, tanto sta sempre lì. La bellezza ti sta consumando e vieni a farmi la paternale. Sei poco credibile.

– Tu non lo sei affatto.

– Sì, perché io appartengo alle forze del male!

– Imbecille.

Advertisements

4 thoughts on “la bellezza ci salverà dall’invasione aliena [dialogo]

  1. E’ in silenzio da troppo tempo questo blog. E’ ora di farlo “parlare” un pò così magari posso gustarmelo con una buona granita al limone 😉
    J.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s