intermittenze

Giravo per le strade
allucinato e stanco
vedevo donne incinta
tutte con il suo volto

allora ingoiavo veleno
che giuro sapeva di vino
e chiamavo dio per nome
lo chiamavo a voce alta

lui rispondeva irritato
come uno che ha sempre ragione
e mi chiedevo chi si credesse
per me era solo un cialtrone

poi ho incrociato un vecchio
che aveva gli occhi molli
aveva cento e più anni
eppure era come uno specchio

mi ci vedevo riflesso
con una precisione così esatta
quante schifezze, quanti rimorsi
uno per ognuno di quel suo migliaio di solchi

poi mi sono fermato al luccichio
di un lampione intermittente
doveva sentirsi molto stanco
in quel silenzio che non desidera niente

mi sono seduto appogiandogli la schiena
e poco prima dell’alba, lui mi ha lasciato solo
così mi sono ricordato perché ho smesso con l’amore
e una volta ancora ti ho dimenticata, così come fa da sempre
la notte col sole.

 

[ musica consigliata: “Maybe not” di Cat Power

https://www.youtube.com/watch?v=skreabVrMRk ]

Advertisements

2 thoughts on “intermittenze

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s